BAMBINI-DONNE-UOMINI PROFUGHI

La mia emozione per i bambini profughi è grande!
In Italia la situazione loro è abbastanza difficile ma non troppo, perché da un lato noi li aiutiamo
accogliendoli, ma dall’altro loro non sempre si adeguano agli aiuti che gli stiamo dando.
Quando i profughi partono con i barconi , partono con pochissime scorte d’acqua, di cibo e con la
paura nel cuore, perché se affonda il barcone si devono mettere in salvo usando il salvagente e
nuotando, però certi purtroppo muoiono o arrivano in una terraferma ammalati.
A me dispiace per loro, ma non perché non mi interessa , anzi mi interessa ma non troppo , bensì
perché se fossi lì, al loro posto io non ce farei!
Adesso ripensadoci anche con questa situazione del Coronavirus, sembra che loro, i prufughi non
si sentano più nominare e sembra che si siano fermati e quindi non si muovano più dalla loro terra madre e si dice che si ammalino poche persone della loro razza di questo virus molto tragico.
Io credo che sia meglio che rimangano nella loro Terra e che stiano alle loro “case”, anche se forse
non si ammalerebbero troppo, come dicono, se fossero costretti a proseguire o iniziare un nuovo ,
doloroso viaggio della Speranza?

Alessandro T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
Accessibility